Italiano

Tre in uno
La Torre Rotondafu fatta costruire da re Cristiano IV fra il 1637 e il 1642.
La Torrecostituiva la prima sezione del complesso edilizio della Trinità, il quale avrebbe riunito in sé tre fra le strutture più rilevanti per gli studiosi seicenteschi: l’osservatorio astronomico, la chiesa degli studenti e la biblioteca universitaria.

Copenaghen vista dall’alto
Dalla cima della Torre Rotonda, che si eleva per 34,8 metri sul livello stradale, si gode un’imponente vista sull’antico quartiere latino di Copenaghen. Per accedere alla piattaforma panoramica si passa per una rampa elicoidale unica nel suo genere, che si snoda per 209 metri e compie 7,5 giri intorno al pilastro centrale, internamente vuoto.

La prima biblioteca universitaria
Salendo verso la sommità si accede alla bella sala della biblioteca, la cui superficie si estende per900 m². Essa ospita per tutto l’anno esposizioni temporanee e altri eventi culturali. Un tempo la sala conteneva l’intera collezione libraria universitaria, tuttavia la biblioteca chiuse nel 1861, quando la collezione era divenuta troppo ampia.
In seguito, la sala venne adibita a laboratorio e deposito, e fu riaperta al pubblico nel 1987.

Sottotetto con segni zodiacali
Al di sopra della sala della biblioteca si trova il cosiddetto “sottotetto delle campane” (Ringerloftet) con le enormi travi di pino a vista utilizzate per la ricostruzione dopo l’incendio di Copenaghen del 1728. Nel sottotetto si trova anche una piccola esposizione di oggetti vari legati alla storia della torre e una rappresentazione della volta celeste con segni zodiacali luminosi.

Il più antico osservatorio ancora funzionante d’Europa
Nell’osservatorio, ubicato sulla sommità della torre, c’è un bel cannocchiale astronomico utilizzabile da chiunque desideri osservare le stelle durante l’inverno e, per un periodo più limitato, anche d’estate. L’osservatorio fu fatto costruire originariamente per l’università, che lo utilizzò, fra l’altro, per effettuare misurazioni e andare alla ricerca di comete fino al 1861, anno in cui si preferì trasferirsi in un osservatorio più moderno e adatto ai tempi.

La benedizione del Signore
Sulla facciata della Torre Rotonda, in alto, si trova un’iscrizione dorata, un rebus, il cui bozzetto originale fu eseguito da re Cristiano IV in persona. Il rebus può essere così interpretato: Che il Signore, la corretta Dottrina ela Giustiziapenetrino nel cuore del sovrano Cristiano IV, 1642.

La Pietà rafforza i Regni
La piattaforma panoramica della Torre Rotonda è circondata da una raffinata cencellata in ferro battuto risalente al 1643. Nella cancellata si riconoscono il monogramma di Cristiano IV e le lettere RFP, le iniziali del motto del re: Regna Firmat Pietas –La Pietàrafforza i Regni.